Go to Top

Chi Siamo

cuore4
Da sempre, il mercato in una città è vissuto come un momento di festa. I colori, i profumi, il vociare della gente, l’abbondanza delle merci sulle bancarelle e tutta la vivacità del commercio rendono questo luogo un insieme magico di stimoli e sorprese che mettono allegria. Un momento in cui la società si ritrova, comunica, condivide degli spazi. Un’occasione per acquistare merce di qualità e fare affari vantaggiosi.
Al mercato trovi di tutto, cerchi, scegli, provi, contratti, in un‘assoluta libertà di shopping che diventa gioco, passatempo, divertimento. Una qualità che rende il commercio equo, competitivo e quindi davvero economico. Ecco perché, il mercato è il cuore pulsante di una città e fa parte della storia stessa del centro urbano, degli usi e della cultura del posto. Non a caso è sempre uno dei luoghi che maggiormente attira i turisti.
Dal mercato si libera un’energia buona che si estende a tutto il centro urbano. Lo scopo di questa pubblicazione è quello di creare una coscienza sociale sul ruolo determinante che il mercato ricopre nella nostra città. Il commercio ambulante è una risorsa economica imprenditoriale che si inserisce a pieno diritto nel tessuto economico della distribuzione commerciale. Sostenere il mercato significa dare vita al commercio e alla vita economica della città. Abbiamo voluto quest’opera per informare tutti i nostri clienti sui generi di merce che si vendono al mercato; in quali posti e quando possono trovarle; e soprattutto quanti vantaggi si ottengono
acquistando al mercato. Nei nostri propositi c’è che ogni cittadino giri con una di queste guide sempre con sé, perché in ogni momento sappia che ogni suo desiderio, da noi, si avvera. Perché al mercato si fanno solo affari di cuore!

Fiorenzo Gori
Presidente Promomercato

cuore3

ANTICO QUANTO L’UOMO
Rintracciare un percorso preciso dell’evoluzione del commercio nella storia è come raccontare tutta la storia dell’umanità, dato che il commercio, da sempre, ha costituito un momento fondamentale dello sviluppo, sia sociale che culturale, di ogni civiltà. Il mercato di Forlì ha una tradizione antichissima, se ne hanno tracce ancora precedenti alla stessa fondazione della città romana di Forum Livii. Questo è facilmente deducibile, perché la zona è sempre stata un punto di produzione e scambio agricolo molto importante.
Verso la fine del Settecento, dopo l’occupazione napoleonica, il mercato cambiò aspetto e da libero luogo di commercio diventò un’attività gestita e controllata dal municipio e dal governo che ne favorirono lo sviluppo, disciplinandone le leggi e le norme etiche, economiche ed igieniche. Già in origine, la sede del mercato era l’attuale piazza Saffi, chiamata un tempo piazza Maggiore.
Questa locazione fu scelta per la presenza dell’Abbazia di San Mercuriale che ebbe un ruolo decisivo nel promuovere, coordinare e regolamentare le attività del mercato del tempo. Oggi, il mercato di Forlì è una realtà commerciale moderna e competitiva, dove si incontra un’offerta di merci di alta qualità e assortimento a prezzi vantaggiosi.
Il mercato copre una superficie di 26.408 mq, comprendendo tutta l’area urbana di piazza Saffi, via delle Torri, via Orselli, piazza Cavour, piazza Ordelaffi, piazza del
Duomo. Sono presenti ben 206 posteggi che commercializzano prodotti che spaziano dall’abbigliamento per ogni età, calzature, articoli in pelle, bigiotteria accessori di abbigliamento in generale e casalinghi. Si svolge di mattina, il lunedì e il venerdì.
Il punto di forza è proprio nel rapporto qualità-prezzo molto conveniente, senza escludere la piacevolezza dell’ubicazione al centro città e la cortesia e la simpatia degli esercenti, sempre disponibili a soddisfare ogni esigenza del cliente.

 Altri mercati cittadini si svolgono negli stessi giorni e nelle stesse ore del mercato di Forlì, arricchendo l’offerta merceologica.
Il Mercato dell’usato, comunemente conosciuto come “Mercato del ferro vecchio”, dove cenciaioli e antiquari presentano le loro mercanzie di piccola ferramenta e oggettistica varia; il Mercato dei Vimini e delle Piante situato oltre che in piazza Cavour anche in viale Roma, dove di volta in volta, si possono trovare i rivenditori di legna per camini, di botti e tini per la vinicultura, impagliatori di sedie; il Mercato Coperto Alimentare, sempre in piazza Cavour, offre in particolare frutta e verdura, un vasto assortimento di prodotti alimentari, comprese le carni fresche, un settore dedicato alla pescheria con grande scelta di “pescato” ed infine fiori freschi recisi.

cuore2

IMPRENDITORI NELL’ANIMO
Passione per il commercio, talento per le negoziazioni, inventiva nelle offerte, audacia e determinazione nelle scelte, occhio per gli affari, capacità di allestire la merce e valorizzarla, e poi, affabilità nelle relazioni, professionalità, serietà, impegno continuo…un commerciante ambulante è un insieme di talenti assolutamente ricco e straordinario.
Questa non è una professione che si improvvisa, ma è un’attività a cui ci si dedica con grande passione, impegno e avendo attitudini specifiche.
Commercianti si nasce, ma essere ambulanti è una vera vocazione.
Tutti i professionisti del mercato di Forlì sono innanzitutto dei commercianti Doc, veri imprenditori che hanno costruito, tutti insieme, un mercato all’avanguardia, competitivo, cercando di far risparmiare il cliente sempre e di farlo sentire al centro delle attenzioni con la loro tipica cortesia e rinomata simpatia.

 Pronti a portare avanti il mercato in ogni momento, anche quando il tempo spesso non lo permette. Perché offrire un servizio affidabile è uno dei motivi di fondo che anima ogni elemento di questa comunità di commercianti straordinari.
Al mercato di Forlì si respira sempre un’aria di grande libertà e allegria, grazie agli operatori che sono sempre disponibili ad assecondare il cliente nelle proprie scelte.
Trascorrere piacevolmente un po’ di tempo libero al mercato di Forlì arricchisce e oltre ad innumerevoli affari, si fanno tante esperienze umane e di relazione, che ti lasciano sempre un grande senso di gioia e soddisfazione.

Al mercato gli ambulanti sono l’anima del commercio, lo spirito stesso di questa antica e affacinante arte che da sempre muove la vita di tutti.

cuore3

NATI PER IL COMMERCIO
Il Consorzio Promomercato di Forlì è oggi una realtà molto dinamica che unisce oltre 400 soci, tutti ambulanti, di cui la maggioranza opera nel territorio forlivese. Nato nel 1992 è stato sicuramente tra le prime associazioni in Italia a riunire gli operatori su area pubblica.
Gli obiettivi che hanno motivato la sua costituzione sono stati essenzialmente due: creare una coscienza e una dignità professionale alla categoria degli imprenditori commerciali su area pubblica; offrire a tutti gli associati gli strumenti per realizzare momenti di promozione e comunicazione della propria attività, valorizzando il ricco sistema di offerta commerciale rappresentato dalle fiere e dai mercati settimanali. In questi anni, grazie all’attività di Promomercato, che ha gestito con successo alcune manifestazioni promozionali con gli operatori su area pubblica, si sono ottenuti importanti risultati, sia in termini di risposta sociale che di notorietà e gradimento nelle preferenze sulla spesa dei consumatori dell’area Forlivese.
Promomercato supporta ogni azienda commerciale ambulante con servizi di promozione e commercializzazione. Sulla base delle esigenze dei commercianti, Promomercato stipula convenzioni e contratti con mass media e con agenzie pubblicitarie. Si occupa, inoltre, di avviare rapporti con aziende per la fornitura di apparecchiature elettroniche e con ogni altra azienda che fornisca i servizi necessari all’attività delle imprese ambulanti, ottimizzando moltissimo i costi, altrimenti troppo elevati per essere direttamente sostenuti dai singoli operatori. Dal novembre 2003 ha siglato la convenzione con il Comune di Forlì per la gestione dei servizi relativi a tutte le Manifestazioni fieristiche forlivesi. Gestisce inoltre il “ Mercatino estivo di Terra del Sole” e la manifestazione fieristica connessa alle celebrazioni della “ Festa Artusiana” di Forlimpopoli”.